Opinion

Ligabue, impegnato e sognante

Le luci d’America è il nuovo singolo di Ligabue. Il cantautore emiliano era rimasto a caricare le batterie per un po’ e a rispolverare idee e pensieri. Ne è uscito un pezzo estremamente convincente che racconta di terre lontane e di un cielo che poi, in fondo, le raccoglie tutte. “Io vedo fumo sulle macerie/Tu guardi nello stesso punto e sorridi” canta Luciano nella prima strofa quasi a ricordare agli altri e a se stesso quanto la vita dell’artista sia complicata, fragile ma nel contempo incredibile, perché basta una suggestione: “Le luci d’America/Le stelle sull’Africa” per essere in fondo un po’ inquietamente felici.

“Impegnato e sognante” dunque, questo è il tweet che riuscirebbe a descrivere il brano e l’intera carriera di un artista attento alla società e ai molteplici quanto caleidoscopici punti di vista della realtà del Paese. Le luci d’America è un brano musicalmente fresco e contemporaneo sotto la cui veste si cela tuttavia il solito Ligabue, un po’ simile a se stesso e cliché di un’intera, poco ispirata, generazione di nuovi cantautori vecchio stampo. Un singolo che live si preannuncia un tripudio di speranze, un’unione di anime e una costellazione di accendini. Gli spettacoli semineranno musica e senntimenti nelle tappe del tour che farà tappa la prossima estate negli stadi italiani.

Simone Mancini
Autore

Nato lo stesso giorno dei suoi idoli Steve Jobs e Steve McCurry, Simone non ha nulla a che spartire con loro. Cerca di auto convincersi che la colpa sia dei genitori che non lo hanno chiamato Steve. Laureato in una cosa che gli permette di vivere senza lavorare davvero, sogna uno scudetto della Lazio e la pace nel mondo.