News

Rock in Roma sogna i Pearl Jam al Circo Massimo

Pearl Jam allo Stadio Olimpico di Roma, foto di Valeria Magri

Ha chiuso i battenti il 27 luglio con lo show degli Animals As Leaders l’edizione 2019 di Rock in Roma che ha portato nella Capitale circa duecentomila spettatori (in testa agli incassi i concerti di Carl Brave, Ozuna e Liberato). Numeri importanti ma in netto calo rispetto alle edizioni passate, quando le star internazionali riempivano il cartellone della kermesse: nel 2014 – con i Rolling Stones nella line up – furono oltre duecentosettantamila i biglietti staccati, nel 2013 invece circa duecentoventimila grazie ai live di Bruce Springsteen, Neil Young e Iggy Pop. Star internazionali che il prossimo anno potrebbero nuovamente far capolino sulla Capitale, a darne notizia il Messaggero che ha recentemente intervistato Massimiliano Bucci e Sergio Giuliani, gli organizzatori del festival romano.

«Il nostro sogno? Portare al Circo Massimo gli U2 e i Pearl Jam», hanno rivelato i due imprenditori. Un sogno non del tutto irrealizzabile: la band di Seattle sarà infatti in tour il prossimo anno per promuovere il nuovo disco che verosimilmente vedrà la luce entro il 2019 («Stiamo scrivendo le canzoni per un nuovo disco: l’ultimo l’abbiamo fatto sei anni fa. L’idea è quella di fare questa cosa in fretta. Manca poco, giusto un attimo», ha spiegato il chitarrista della band, Jam Mike McCready, a marzo scorso). Per il momento ovviamente non c’è nulla di confermato né tantomeno di organizzato. Un possibile ritorno nella Capitale è anche quello di Bruce Springsteen ma anche in questo caso non c’è nulla di confermato: «Non è semplice portare qui un artista del suo calibro», hanno spiegato per poi aggiungere che «quello del Boss è senza alcun dubbio uno degli show più belli che ci siano in circolazione e sarebbe bello riaverlo come ospite».

HEYJUDE
Autore

News, interviste anticonvenzionali, progetti creativi in esclusiva e tanto altro per raccontare il panorama musicale italiano ed internazionale.