Opinion cinema

Tutti i film di Batman dal peggiore al migliore

Era il 1939 quando per la prima volta la casa di produzione DC Comics richiese espressamente la produzione di nuovi supereroi da affiancare al mitico Superman. Fu così che dalle menti di Bob Kane e del suo assistente Bill Finger, nacque l’idea di un personaggio oscuro, senza particolari superpoteri, nascosto da una maschera nera e che ricordasse in tutto e per tutto un uomo-pipistrello, il resto è storia. Ad oggi Batman è uno dei supereroi più amati ed iconici della storia dei fumetti e soprattutto del cinema, ma la sua storia ha visto una serie di alti e bassi incredibili. Da oggi 17 gennaio Sky dedica il canale Batman Collection ai film che hanno reso celebre l’alter ego di Bruce Wayne sul grande schermo, e questa è la nostra classifica sui lungometraggi di Batman dal peggiore al migliore.

9. Batman & Robin (1997)

Uno dei film più rilevanti della storia del cinema, nell’accezione più negativa possibile del termine. Il secondo lungometraggio dedicato a Batman del regista Joel Schumacher fu talmente brutto che rischiò di troncare le carriere di tante persone: in primis di Schumacher stesso, in secondo luogo del protagonista George Clooney, ma soprattutto mise in crisi la Warner Bros e tutto il franchise di Batman che rimase fermo per ben otto anni. Su IMDb il voto degli utenti è di 3.8/10 e la cosa più memorabile di questo film rimane ad oggi sicuramente la questione imbarazzante dei bat-capezzoli.

8. Batman Forever (1995)

Che Joel Schumacher non fosse l’uomo adatto a dirigere la saga dell’Uomo pipistrello lo si doveva intuire già dal suo primo lavoro, Batman Forever. Un film evitabile, con un protagonista, Val Kilmer, ancora più dimenticabile e sterile, che fu stroncato dalla critica anche se ebbe un ottimo successo commerciale. Il passaggio dai precedenti lavori di Tim Burton fu drastico e i fan non gradirono affatto la svolta commerciale e action che la saga stava prendendo.

7. Batman v Superman: Dawn of Justice (2016)

La nuova era del DC Extended Universe passa anche per questo crossover tra i personaggi di Batman e Superman diretto da Zack Snyder. Dopo l’immenso successo dell’universo espanso Marvel, la DC Comics ha cercato in tutti i modi di emularlo proponendo la loro Justice League, ma con risultati decisamente diversi. Il film è stato accolto in maniera molto negativa dalla critica, non tanto per quanto riguarda il protagonista Ben Affleck, quando per una trama basata solo su scazzottamenti tra i due eroi. Difatti, ai Razzie Awards di quell’anno il film ottenne ben quattro premi.

6. Batman (1966)

Titolo storico in quanto fu il primo lungometraggio a colori per il cinema dedicato al personaggio di Batman. Il mood generale del film era ancora molto legato a quello dei fumetti, quindi ironico, leggero e pulp, ma allo stesso tempo le interpretazioni di Adam West nei panni di Batman e di Cesar Romero in quelle di Joker rimangono ancora oggi nell’immaginario collettivo ed aprirono la strada al grande successo mainstream della saga.

5. Batman Begins (2005)

Dopo i disastri di Schumacher, la Warner Bros aveva l’urgente bisogno di rilanciare il suo franchise di punta attraverso le mani di un grande regista: la scelta ricadde su Christopher Nolan. Il lavoro di Nolan fu incredibile, poiché decise da subito di calare il personaggio di Batman in un universo moderno, dark ed estremamente autoriale. Il successo di quella che diventerà una trilogia è sicuramente dovuto ad un cast d’eccezione composto tra i tanti da Christian Bale, Michal Caine, Gary Oldman e Morgan Freeman. Il primo capitolo della trilogia di Nolan fu un grande successo, ma che forse mancava di un villain d’eccezione, cosa che non mancherà nei capitoli successivi.

4. Batman – Il ritorno (1992)

Probabilmente il film più oscuro e violento della saga di Batman, nonché secondo film di Tim Burton con Michael Keaton come protagonista. Replicare il successo del suo primo capitolo non fu affatto semplice per il regista californiano, che si affidò quasi completamente alla stupenda interpretazione di Danny DeVito nei panni del Pinguino, uno dei cattivi più amati dell’universo di Batman. Il film ottenne anche due candidature ai Premi Oscar per il miglior trucco e i migliori effetti speciali.

3. Il cavaliere oscuro – Il ritorno (2012)

Il capitolo finale della celebratissima trilogia di Nolan. Il film si trova al trentesimo posto nella classifica dei film con maggiori incassi nella storia del cinema, e ciò fu dovuto anche all’introduzione nel cast di attori come Anne Hathaway nei panni di Catwoman, Tom Hardy in quelli di Bane e Joseph Gordon-Levitt nel ruolo di Robin. La conclusione perfetta per un trittico quasi perfetto che hanno elevato il personaggio di Batman in maniera incredibile e quasi sicuramente irripetibile.

2. Batman (1989)

Il primo film del franchise prodotto dalla Warner Bros. Alla fine degli anni Settanta la popolarità di Batman era in vistoso calo, e solamente un regista come Tim Burton poteva rinobilitare il personaggio. Tutta la poetica del maestro del gotico e del fiabesco è evidente in questo film, che viene ricordato principalmente per lo stupendo Joker di uno dei più grandi attori della storia del cinema, ovvero Jack Nicholson. La pellicola fu un successo commerciale e di critica, tanto da essere premiata agli Oscar per la miglior scenografia.

1. Il cavaliere oscuro (2008)

Il premio per il miglior film dedicato al personaggio di Batman non può che non andare a Il cavaliere oscuro, secondo capitolo della trilogia di Nolan. Un film pressoché perfetto, che fu anche accompagnato prima della sua uscita da una gigantesca campagna di marketing virale online. Senza ombra di dubbio il successo del film va in grande parte attribuito all’incredibile interpretazione di Heath Ledger nei panni del “Joker migliore di sempre”. Lo stesso Ledger verrà a mancare alla fine delle riprese, non potendo ricevere di persona il meritatissimo Oscar per il migliore attore non protagonista.

Vincenzo Cozzolino
Autore

Classe 1995, studente e appassionato di comunicazione digitale e giornalismo. Ho la musica nel sangue e una ossessione per le serie tv.