News musica

Si potrà chiedere il rimborso per i live annullati di Paul McCartney

Dopo tanto discutere, finalmente è ufficiale: alla luce dei chiarimenti ottenuti dal legislatore in merito alle modifiche apportate all’Art. 88 del DL Cura Italia dalla legge di conversione del DL Rilancio, gli organizzatori saranno obbligati a rimborsare i biglietti degli eventi annullati. Lunga la lista dei live che non saranno riprogrammati, dai Guns N’ Roses al Firenze Rocks fino al chiacchieratissimo mini tour italiano di Paul McCartney che avrebbe dovuto far tappa tra il 10 e il 13 giugno a Napoli e Lucca. In merito ai live dell’ex Beatle, D’Alessandro e Galli – la società dietro i due eventi italiani – ha fatto sapere che “entro il prossimo 10 settembre verranno resi noti i tempi e le modalità del rimborso”.

«È veramente scandaloso che coloro che hanno pagato un biglietto per uno show non possano riavere i loro soldi – aveva commentato Paul McCartney tramite il suo account Facebook la notizia del rimborso tramite voucher – Senza i fan non ci sarebbe musica dal vivo. Siamo fortemente in disaccordo con ciò che il governo italiano e Assomusica hanno fatto. A tutti i fan degli altri Paesi che avremmo visitato quest’estate è stato offerto il rimborso completo. L’organizzatore italiano dei nostri spettacoli ed i legislatori italiani devono fare la cosa giusta in questo caso. Questo è un vero insulto per i fan».