Opinion

I Coldplay in versione unfiltered

«Siamo i Coldplay e diventermo una band immensa. Non ti dimenticare. Immensi. Assolutamente enormi», dice un giovane Chris Martin (con tanto di apparecchio per i denti) all’inizio del film. Lo stesso Chris Martin che a fine film sale sul palco dello Stadio Ciudad De La Plata di Buenos Aires circondato da cinquantamila fan. Ma d’altronde, per avere successo bisogna avere la testa piena di sogni, a head full of dreams appunto. Questo è il messaggio e questa è anche la trama alla base del film sui Coldplay che abbiamo visto oggi in anteprima mondiale.

Il film diretto da Mat Whitecross – presente per catturare la loro musica e le loro relazioni sin dalla prima prova in una camera studentesca – è un prodotto di altissimo livello. Come preannunciato, racconta i due decenni di carriera dei Coldplay, vent’anni di prove e concerti i cui i momenti salienti sono custoditi in un archivio inedito. A Head Full of Dreams parte dalla post adolescenza dei quattro ragazzi di Londra, dai ricordi della loro infanzia e dei loro studi, delle loro famiglie e dei loro sogni (una cosa ve la possiamo spoilerare: Guy, Will, John e Chris avevano le idee chiare sin da piccoli, la determinazione e l’amicizia hanno fatto il resto). È un viaggio emozionale indietro nel tempo che ripercorre tutta una vita; la loro e – di fatto – quella di migliaia di fan.

Impossibile – soprattutto se si apprezza questa band – non empatizzare con loro e la loro storia. Tempi bui e tempi felici. Successi ed insicurezze. Depressioni e dipendenze. Tutto viene raccontato unfiltered, senza mai diventare troppo pesante o troppo leggero.

L’appuntamento del 14 novembre proporrà il film in anteprima mondiale, in collaborazione con Trafalgar Releasing, in oltre duemila cinema in tutto il mondo (l’elenco delle sale italiane) e sarà l’occasione unica per restituire un ritratto intimo e profondo della band e della sua spettacolare ascesa, dalle backroom dei pub di Camden fino agli stadi di tutto il pianeta.

Il film evento, in lingua originale con sottotitoli in italiano e con dieci minuti di contenuti extra esclusivi per il cinema (dopo i titoli di coda saranno proiettate le immagini esclusive dei due concerti allo Stadio San Siro dell’estate 2017).

Cristina Torti
Autore

Da che ho memoria ricordo di amare la musica. Mi piace scrivere, adoro il cinema e le serie tv. Da qualche anno mi dedico anche alla fotografia con una particolare predilezione per gli eventi live.